ECO DOPPLER IN FARMACIA

Tecnica diagnostica per studiare l’apparato circolatorio. Si sfrutta un fenomeno fisico,chiamato effetto Doppler e consistente nel fatto che,se si dirige verso un corpo in movimento un suono,questo rimbalza,generando un suono diverso (il cosiddetto suono riflesso) le cui caratteristiche dipendono dalla velocità del corpo in movimento. Ciò è sfruttato per lo studio del cuore e dell’apparato circolatorio,con una metodica chiamata esame Doppler. Combinato con l’ecografia (ecodoppler),il Doppler costituisce una tecnica di uso clinico molto affidabile e largamente usata perché non invasiva,assolutamente indolore, esente da rischi, di rapida esecuzione e ripetibile. In questo caso, quando un fascio di ultrasuoni (particolari onde sonore che l’orecchio umano non percepisce) colpisce un vaso sanguigno (cioè una vena od un’arteria),si ottiene un insieme di ultrasuoni di ritorno con caratteristiche dipendenti dalla velocità e alla direzione con cui il sangue scorre in tale vaso. Con la variante dell’ecodoppler detta ecocolordoppler, inoltre,si ottengono fotografie colorate delle strutture vascolari di organi esaminati,che forniscono informazioni molto particolareggiate. Si ottengono informazioni sia morfologiche (struttura),sia funzionali (flusso,velocità,direzione) sui vasi esaminati. Si possono studiare tutti i vasi di collo,addome,arti inferiori (gambe) e superiori (braccia). L’esame è particolarmente indicato per la diagnosi di malattie arteriose e venose e per il controllo dei soggetti particolarmente a rischio per malattie circolatorie (perché diabetici o perché presentano casi familiari di malattie cardiovascolari).

La Farmacia Roveroni organizza  delle giornate di informazione presso la sua struttura.

Se desideri essere informato o partecipare ad un evento in particolare ti preghiamo di compilare il seguente form e sarai ricontattato quanto prima per date e disponibilità

Altri servizi

La Densitometria Ossea è una tecnica diagnostica che permette di valutare in modo accurato e preciso la massa ossea, risultando particolarmente utile nella diagnosi dell’osteoporosi e nel monitoraggio di eventuali terapie farmacologiche.
È attualmente considerata uno standard di riferimento per la diagnosi strumentale di osteoporosi ed un importante “predittore” del rischio di frattura.
La misurazione della massa ossea in farmacia viene eseguita sul calcagno attraverso la densitometria ossea ad ultrasuoni. Il calcagno è un osso di tipo “trabecolare”, che per primo, insieme alle vertebre, risente del processo osteoporotico.
Analizzandone la densità ossea, questo esame è in grado di valutare il rischio frattura osteoporotica.
Numerosi studi clinici dimostrano che l’ultrasonometria offre grandi vantaggi:
permette di ripetere l’esame frequentemente;
fornisce informazioni sullo stato delle ossa, sia da un punto di vista qualitativo che quantitativo;
non espone il paziente a radiazioni ionizzanti;
non è un esame invasivo.

Esame che misura l’udito. L’esame audiometrico va eseguito in un ambiente silenzioso. Il paziente è introdotto in una cabina isolata acusticamente, dentro la quale si trova una cuffia collegata con l’audiometro (lo strumento che misura l’udito) posto all’esterno. Attraverso la cuffia vengono inviati al paziente dei toni a frequenza determinata, dai più bassi ai più alti; il paziente deve indicare, per ogni tono, il livello in cui inizia ad avvertirli.